Tornano le Pigotte a Villa Giulia

17 / 100

C’è la Pigotta OSS e la Pigotta Infermiera, pronte per l’adozione.Sono i residenti di Villa Giulia a “dare un’anima” alle bambole Unicef. Un invito per questo Natale ad adottare una Pigotta “handmade” Il ricavato delle vendite aiuterà a salvare la vita dei bambini africani.

30 Novembre, Pianoro (BO)_ Ancora una volta sono loro, i nostri anziani, testimoni del saper fare, i “creatori” delle iconiche bambole dal cuore di pezza. Alcune di loro indossano la divisa dell’operatore sociosanitario, come omaggio al personale medico e sanitario e a tutto l’impegno del Sistema Sanitario Nazionale in questa pandemia.

Nell’ottica di un percorso volto al benessere psicofisico, i residenti di Villa Giulia di Pianoro sono alle prese con la realizzazione delle Pigotte. Dai vestiti ai capelli tutto è confezionato dalle loro mani con utilizzando lana e altri materiali da riciclare, in chiave sostenibile. Circa una trentina i residenti impegnati nel laboratorio, nell’ambito di una sinergia con l’Unicef che prosegue per il decimo anno.  Oltre una decina le bambole di pezza già pronte ad essere adottate. La spedizione è omaggiata dalla CRA bolognese.

“Con entusiasmo rinnoviamo la vicinanza di Villa Giulia ad una realtà come l’Unicef a cui siamo da tempo legati – afferma la dott.ssa Ivonne CapelliAmministratrice della residenza per anziani.  Nella nostra hall la Pigotta che incarna l’OSS di Villa Giulia attesta questo legame reso speciale dal lavoro dei nostri operatori e animatori che affiancano i residenti nel processo creativo” – conclude la dott.ssa Capelli.

Simbolicamente la Pigotta unisce, in un abbraccio virtuale e solidale, chi l’ha realizzata, un anziano, chi l’ha adottata e il bambino che avrà un futuro migliore perché inserito nel progetto di lotta alla mortalità infantile.

About Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Check Also

02.-Dinastia

Dinastia canta la Sicilia con il rap antimafia di “Colapisci”

15 / 100 Powered by Rank Math SEO Torna il noto cantautore siciliano Dinastia (autore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *