Perchè dobbiamo andare tutti a lezione di “bioempatia” ?

5 / 100

Amatissimi concittadini, personalmente non frequento facebook perché, spero mi capirete, ciascuno di noi spesso si scrive quel che si pensa o di cui si sia informati, anche in mancanza di un serio approfondimento.

La signora Santacroce scrive che le ho portato una buddleia, e la cosa ha suscitato alcune “perplessità”: chi dice che è una pianta alloctona, chi afferma che può nuocere a bimbi ed animali perchè tossica (quoque tu, Luisa,….), anche se Taranto è stracolma di oleandri ed anche se in Città “sovrano” impera l’asfissiante ailanto. Certo se ho solo un balcone o un piccolo giardino eviterò di tenere buddleie se temo per bambini o animali domestici ( anche se i gatti, nel mio, la buddleia che ho ritratto l’hanno sempre elegantemente snobbata….).

A mio modesto avviso nell’essere umano (anche il più moderno e intelligente che sia…) talvolta è carente quel “pizzico” di bioempatia, che poi significa solo un “piccolo sforzo” in più per considerare le cose anche dal punto di vista della Natura e dell’ecosistema. Traduzione : viste in un contesto di spazi territoriali più ampi, le  buddleie non solo sono belle e meno invasive delle piante che ricordavo sopra, ma assolvono anche alla funzione di “foraggiare” un gran numero d’Insetti, sapete,di quei piccoli alati, pronubi e fondamentali per le catene trofiche,che oggi sventuratamente sono in netta diminuzione proprio a causa delle innumerevoli attività dell’uomo, fisiche e mentali, tra le quali annoveriamo purtroppo i pregiudizi, l’indifferenza, il menefreghismo/cinismo e la disinformazione e, non ultima, la carenza della capacità di capire che la Natura compie ad ogni istante, secondo per secondo, minuto per minuto, ogni sforzo possibile e immaginabile per il buon funzionamento della vita e della sopravvivenza ( anche la nostra…) su questo nostro splendido, munifico e irripetibile Pineta delle Meraviglie.

E lo fa anche servendosi d’una pianta definita “tossica” o “alloctona” !  Chiedo scusa se mi permetto di chiedere anche a Voi, cari concittadini, questo piccolo “saltello” culturale, e tale è il motivo del mio insistere con l’Amministrazione per istituire anche in Taranto un Museo di Scienze Naturali ed Ambientali che diventi scuola di bioempatia per tutti.  Vi ringrazio per l’attenzione.

About Valentino Valentini

Valentino Valentini
Valentino Valentini CO.RI.TA. Comitato per il Rimboschimento della Città di Taranto

Check Also

PATATA E SCUOLA

Nelle scuole il racconto della patata del Fucino: nutrizione e ambiente

63 / 100 Powered by Rank Math SEO L’associazione marsicana produttori patate (AMPP Nelle scuole …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *