L’acqua in Viaggio | Quei “giganti buoni” sulla via dell’acqua

23 / 100
Torre del Canale Principale a Palazzo San Gervaso
Torre del Canale Principale a Palazzo San Gervaso

E, ancora, sono responsabili del cosiddetto “sezionamento”: la strategia idraulica che prevede la suddivisione di una lunga condotta in diversi tronchi, in modo che, nel caso di rottura di uno di questi, non sia necessario svuotare l’intera adduttrice ma solo il tronco da riparare.

Un lavoro non certo da poco, in cui queste torri dell’acquedotto sono impegnate con zelo e passione per consentire a gocciolina di realizzare, senza troppi scossoni, il proprio lungo cammino.

Ma noi che siamo inguaribili romantici preferiamo raccontarle, queste torri, come i giganti buoni delle favole, quelli a cui la popolazione dei tanti borghi che costituiscono l’ossatura della nostra regione, dalle punte nebbiose dello sperone garganico alle letizia solare della valle dei trulli, continuano ad affidarsi con fiducia, per continuare ad attingere tutti giorni la linfa vitale dell’acqua.

E allora? Continuiamo a veleggiare felici in questo mare di erba, dolci pendii, cattedrali di pietra e acque turchesi, tra i giganti buoni lungo il Locone, nelle valli dell’Ofanto o tra le piane del Fortore.

La Puglia è uno spettacolo imperdibile e l’Acquedotto Pugliese ne è lo specchio fedele.FacebookTwitterShare

About Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Check Also

alfredo-luigi-conti

Taranto – Il futuro sostenibile ha un info point al Castello Aragonese

64 / 100 Powered by Rank Math SEO Inaugurato lo sportello per i cittadini dell’Urban …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *