La tragedia di Beirut

66 / 100

A seguito dell’esplosione che ha squarciato Beirut e sconvolto il mondo, ci troviamo di fronte a una tragedia umanitaria: oltre 160 vittime, più di 5.000 feriti e 300.000 persone senza più un tetto.

L’UNHCR è molto scossa dal disastro che ha colpito il Libano, un paese che da sempre si è dimostrato generoso nel fornire alloggio e protezione a milioni di rifugiati. I nostri cuori e i nostri pensieri sono tutti rivolti alla comunità libanese che sta affrontando indicibili perdite e sofferenze.

Il Libano, inoltre, è da tempo afflitto da una grave instabilità economica e da un tasso di inflazione che ha ridotto oltre il 50% della popolazione al di sotto della soglia di povertà. Gli ospedali sono già allo stremo a causa della crescente diffusione di casi di contagio da Coronavirus, molti sono andati distrutti con l’esplosione di martedì scorso. Le cure mediche ai feriti più gravi sono prestate all’aperto.

Le necessità sono enormi: c’è immediato bisogno di alloggi per decine di migliaia di famiglie che non hanno un posto dove stare, serve mettere in sicurezza o ricostruire le case gravemente danneggiate se non spazzate via dall’esplosione.


L’UNHCR sta mettendo a disposizione della popolazione libanese tutti i kit di emergenza disponibili nei propri magazzini, insieme a teli di plastica, tende, coperte e materassi, ma non è abbastanza.

INSIEME PER IL LIBANO

La tragedia di Beirut

About Redazione QuattroNotizie

Redazione QuattroNotizie

Check Also

Papa con i poveri

I soldi prendiamoli dai poveri, sono pochi…ma sono molti

62 / 100 Powered by Rank Math SEO Beffardo e fine fu Ettore Petrolini, insuperabile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *