l video terrificante a lieto fine di uno squalo tigre che prova a divorare la tartaruga marina

16 / 100

Sembra un film, la tartaruga in bocca allo squalo.Le immagini pubblicate su Instagram, documentano un grosso squalo tigre che attacca una tartaruga marina al largo delle Bahamas. Un video diventato virale, ripreso da alcuni pescatori sportivi, mostra la cruda scena. La caccia, sorprendentemente, si conclude con un lieto fine per la preda.

Nel filmato postato il 22 novembre da Kai Survance che condivide le sue avventure di pesca su Kai Owen Fishing, con il suo amico Bronson Russell, si vede uno squalo tigre di tre metri con in bocca una delle sue prede preferite, una grossa tartaruga marina che, disperata, cerca disperatamente di salvarsi tentando inutilmente di farsi scudo con la barca dei pescatori. La lotta per la vita dura qualche minuto e proprio quando sembrava che per la tartaruga fosse arrivata la fine, accade l’impensabile.

Lo squalo, chissà per quale motivo, molla per un attimo la presa e la tartaruga è libera. A quel punto, i giovani pescatori riescono a recuperarla. Ormai è salva e non sembra aver riportato grossi danni. Così, una volta issata a bordo, dopo qualche minuto di navigazione è stata rilasciata a distanza di sicurezza da quelle fauci che avrebbero continuato a cercarla inutilmente.

Nel link del video che trovate qui sotto vedrete tutta la potenza di un attacco di uno squalo. Questi attacchi, però, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello  “Sportello dei Diritti”, sono importanti per ricercatori e studiosi: dimostrano in video come avviene l’attacco di uno squalo, come si muove prima e dopo, e come reagisce al fallimento. Ecco il link del video: https://youtu.be/cl_3_lyUuco

About Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Check Also

Akes

Akes lancia la sua “rivoluzione” tra elettronica e rap

68 / 100 Powered by Rank Math SEO “Revolution” è il titolo del nuovo album dell’artista romano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *