“Kyma Mobilità – Amat” ottiene il Rating di legalità

9 / 100

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato di Roma ha attribuito a “Kyma Mobilità – Amat Taranto” il Rating di legalità con il punteggio “Due Stellette Più”, il massimo punteggio è tre stellette.

“È un grande risultato per “Kyma Mobilità – Amat Taranto” – commenta il sindaco Rinaldo Melucci – che ha tra i suoi obiettivi prioritari la massima trasparenza e il rispetto della legalità in tutte le sue procedure. Negli ultimi mesi stiamo lavorando per elevare gli standard di tutte le Società Partecipate e “Kyma Mobilità Amat” è la prima tra loro che ottiene questo Rating di legalità, e per ora unica, ed è anche l’unica azienda pubblica del territorio”.

“Kyma Mobilità – Amat” ottiene il Rating di legalità

Kyma Mobilità – Amat ha presentato telematicamente all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato alle imprese una corposa documentazione sulla propria organizzazione aziendale. La concessione è, se vengono rispettati i requisiti richiesti, completamente gratuita.

Introdotto nel 2012, il Rating di legalità è un indicatore sintetico del rispetto di elevati standard di legalità che viene concesso dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato alle imprese – pubbliche o private – che, con fatturato minimo di due milioni di euro nell’esercizio nell’anno precedente, ne abbiano fatto richiesta.

Al riconoscimento del Rating di legalità, convenzionalmente misurato in “stellette”, l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.

“Per le imprese italiane – interviene l’assessore alle partecipate Paolo Castronovi – il Rating di legalità rappresenta un importante strumento volto alla promozione e all’introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale e, più in generale, sul grado di attenzione riposto nella corretta gestione delle proprie attività”.

About Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Check Also

Papa con i poveri

I soldi prendiamoli dai poveri, sono pochi…ma sono molti

62 / 100 Powered by Rank Math SEO Beffardo e fine fu Ettore Petrolini, insuperabile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *