Il salvadanaio dell’acqua si chiama rete idrica efficiente

54 / 100

Il presidente di AQP Simeone di Cagno Abbrescia illustra gli investimenti più rilevanti in programma da oggi al 2023.

Il risparmio (d’acqua) è il primo guadagno (di questo bene prezioso). L’investimento nel salvadanaio si chiama efficientamento della rete idrica. Acquedotto Pugliese ha programmato fino al 2023 un miliardo di euro di investimenti. Gli interventi più rilevanti riguarderanno, per l’appunto, la rete (e la depurazione).

«AQP esegue costantemente interventi di efficientamento delle reti – spiega Simeone di Cagno Abbrescia, presidente della società di via Cognetti –. E’ in corso la fase tre del progetto Risanamento Reti (31 i comuni interessati, 80 milioni gli investimenti previsti). Abbiano previsto, per compattare i tempi, di costituire una società mista. Perché se dobbiamo fare gli investimenti, e quello che abbiamo presentato è un piano di interventi di enorme spessore (un miliardo di investimenti sino al 2023), dobbiamo fare i “conti” con la “forza” di cui Acquedotto Pugliese dispone. Se dobbiamo dedicarci a un fatto eccezionale, di prospettiva, che è il risanamento globale delle reti, e abbiamo necessità di fare un investimento di circa 700 milioni di euro per il Risanamento 4 (quasi100 i comuni interessati) e poi seguirà il 5 (115 le comunità che saranno interessate) è chiaro che non abbiamo le energie per fare tutto. Di qui la necessità di affidarci a partner di livello mondiale che, approfittando dell’occasione, non soltanto ci affiancheranno in queste attività, sgravando AQP, i suoi tecnici, le sue (eccellenti) professionalità dal seguire questo comparto, ma ci possano offrire conoscenze avanzate sulle tecnologie”.

lavori sulle rete fognaria
Lavori sulle rete fognaria

About Redazione QuattroNotizie

Redazione QuattroNotizie

Check Also

alfredo-luigi-conti

Taranto – Il futuro sostenibile ha un info point al Castello Aragonese

64 / 100 Powered by Rank Math SEO Inaugurato lo sportello per i cittadini dell’Urban …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *