Covid la prevenzione col collutorio

69 / 100

Un nuovo studio conferma l’efficacia del collutorio nel ridurre la diffusione del virus

Un semplice collutorio con lo 0,7% di cloruro di cetilpiridinio, un antimicrobico e antisettico, darebbe risultati “promettenti” nella lotta contro il coronavirus. Lo sostiene un nuovo studio dell’Università di Cardiff. Negli esperimenti di laboratorio, il collutorio ha ucciso il virus in soli 30 secondi.

Nonostante tutto, aspetta prima di precipitarti nelle scorte di collutori di supermercati e farmacie: questi sono solo i primi risultati di un ampio studio e devono ancora essere verificati da altre squadre di ricercatori. Uno studio clinico deve ancora seguire per vedere il reale impatto del collutorio sulla concentrazione di coronavirus nella saliva delle persone sottoposte al test. Ma in laboratorio, gli studi preliminari sono molto promettenti. Gli scienziati hanno cercato di riprodurre le condizioni del naso e del retrogusto umani. Hanno usato un collutorio lambda come quello che trovi nei bagni di tutti: una soluzione con lo 0,7% di cloruro di cetilpiridinio come Listerine.

Questo antisettico antibatterico e antivirale agisce sui microbi penetrandone le pareti e, divenuti porosi, finiscono per perire. Risultato: il 99,99% dei virus viene distrutto in 30 secondi. Un ampio studio clinico di 12 settimane inizierà presso l’University Hospital of Wales.

Covid la prevenzione col collutorio

Dovrà determinare se, in condizioni reali, questi collutori distruggono effettivamente quasi tutte le particelle virali nella saliva. La nostra bocca infatti, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  è piena di recessi e cavità e secerne molte sostanze, che possono anche essere coadiuvanti durante il processo. I risultati dello studio sull’uomo sono attesi all’inizio del 2021.

About Comunicato Stampa

Comunicato Stampa

Check Also

VERONELLI_2021_0633

La Guida Veronelli premia il diciotto Fanali Salento rosato 2017

52 / 100 Powered by Rank Math SEO Il riconoscimento attribuito nei giorni scorsi all’Accademia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *