Confusione sotto il cielo, il mondo è in tilt, in Italia si protesta

59 / 100

Per l’Oms le misure del Dpcm riducono le probabilità di contagio. Sta a noi decidere come riunirci con gli altri che sia al bar o in casa nostra o nella casa di qualcun altro. Dobbiamo assicurarci di continuare a socializzare, cosa di cui tutti devono essere in grado di fare, minimizzando il rischio”, ha aggiunto van Kerkhove.

Purtroppo la pandemia sbaraglia le categorie mentali; nel momento della tempesta, quando la nave vacilla tra i marosi, se dal fondo scatta la protesta di chi deve tirare le vele, la nave affonda. Ecco che, proprio l’affondo di Renzi che sposa la protesta di cinema e teatri, come Salvini, fa sbottare Zingaretti che afferma: “non si può stare con i piedi su due scarpe.”

Alcune cose sono chiare in questa fase. L’atteggiamento deleterio di chi si oppone ad un Dpcm – salutare secondo l’Oms – cavalcando le proteste per far cassa elettoralmente è operazione da condannare senza ombra di dubbio. E’ la peggiore politica che ci si può attendere nella tragedia, senza responsabilità alcuna. E il nostro giudizio su Renzi – che aveva detto se perdo lascio la politica – a proposito del referendum costituzionale del 2016 – non cambia.

Tuttavia il governo deve fare presto, togliere dal timone della nave in tempesta chi all’Inps non funziona, per fare un esempio, oppure creare una task force che supporti l’Ente Nazionale. Non si può togliere fonte di reddito senza dare sussidi, una possibilità di vita. Questo è tassativo.

Questa pandemia mostra per intero le inefficienze delle regioni, in primis quella più colpita la Lombardia, come abbiamo più volte denunciato da queste pagine e come brillantemente ha rappresentato Report di Rai3 nella seconda puntata di ieri

https://www.raiplay.it/video/2020/10/Report-ff8d4cdd-6e00-478d-b8ea-60669a600d26.html

E’ lampante l’inefficienza della politica a dare risposte alla pandemia. Perchè sfugge tutto, tracciamento, App immuni. I numeri sbarellano ogni certezza, come sta avvenendo in Francia con 100 mila casi al giorno. Se in Italia dovesse esserci solo il 5% che ha davvero il problema, come sostengono i rivoltosi – gridando libertà-, su 60 milioni sono 3 milioni tra malati e in terapia intensiva: dove ci sono questi posti nella sanità pubblica? Dobbiamo prevedere qualcosa come i lazzaretti di Manzoni? Una prospettiva del genere mette caos in tutti conti pubblici, altro che sussidi.

Questa la differenza tra Covid19 e qualsiasi malattia. Anche l’influenza mette 3 milioni di malati a casa, ma è tutt’altra cosa, davvero. Cosa ci vuole per capirlo?

About Roberto De Giorgi

Roberto De Giorgi
Giornalista freelance, scrittore, editore, poeta, è stato per 15 anni vicedirettore di Agoramagazine

Check Also

lavoro

Lavoro e mobbing, la Cassazione integra nel reato anche le accuse false

49 / 100 Powered by Rank Math SEO La Cassazione torna sul mobbing: anche rivolgere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *