Sakura poesia di Sophia McKeever

67 / 100 SEO Score

Sophia McKeever è una giovane poetessa che vive Florida USA. In questa poesia, come faceva spesso Neruda nelle sue poesie, c’è una sorta di ovazione ad un fiore, quello del ciliegio nel termine usato dai giapponesi

Sakura,

Fly until you can fly no more.

Sakura, 

Pink petaled wings,

I know you can make it,

So flutter. 

Sakura, 

Let your red cheeks 

Embellish the sweet yellow stems

That blossom from within. 

Sakura,

Decorate the spring with your decorum,

Your elegance,

And illustrious beauty.

Sakura,

How do I miss your abundance,

Your beauty is desperately needed.

Sakura,

Stay with me awhile before you wilt,

Stay even as you’re running out of time, 

Please, never let my cold fingers go,

They are rough but loving,

And have the capability of caressing.

Sakura,

Please live immortal,

And bring a piece of me,

The one missing from my soul,

Fractured, bent, and covered in vines with prickly thorns.

Sakura, 

Without you, 

I would wither away,

And start to twinkle with the stars.

Sakura,

It doesn’t matter the how, 

Or the why,

Or if your fragile innocence knows,

Sakura,

Thank you for your flower buds of hope, And flowerbeds of blessings to lie on

TRADUZIONE IN ITALIANO DI SAMUELE SOLITO

Sakura,
vola fino a quando non riuscirai più.  

Sakura,  
con le tue ali dai petali rosa so che puoi farcela,
quindi svolazza.  

Sakura,
Lascia che le tue guance rosse
Abbelliscano i dolci gambi gialli
Che fioriscono dall’interno.    

Sakura,
Adorna la primavera col tuo decoro,
La tua eleganza,
La  tua bellezza illustre.    

Sakura,
mi manca la tua abbondanza,
la tua bellezza mi è disperatamente necessaria.  

Sakura,
resta con me un po’ prima di appassire,
resta anche quando non avrai più tempo,
per favore, non lasciare mai le mie dita fredde,
che, anche se rozze ed amorevoli,  
hanno la capacità di accarezzare.  

Sakura,
Per favore, vivi immortale, e riporta un pezzo di me
Quello che manca alla mia anima,
Fratturata, piegata e coperta di sterpi spinosi  

Sakura,
senza di te, vorrei appassire e iniziare a brillare con le stelle.

Sakura,
non importa come, O il perché,
O se nella tua fragile innocenza lo sai,  

Sakura,
Grazie per i tuoi boccioli di fiori, di speranza,
aiuole di benedizioni su cui mentire.  

About Sophia McKeever

Sophia McKeever

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *