Pandemia e cronaca, le firme del reportage italiano

44 / 100 SEO Score

Per la terza giornata del Festival Giornalisti del Mediterraneo Donne in politica, attualità regionale e ambiente  fra gli altri temi trattati dal programma di domani, 3 settembre

Qual è stato e quale deve essere il ruolo del cronista nel raccontare la pandemia?  È il grande tema al centro del programma della terza giornata del Festival Giornalisti del Mediterraneo (domani, 3 settembre), che si svolgerà come di consueto a Largo Porta Alfonsina a Otranto.

 Si parte alle 20.30 con le grandi firme del reportage italiano e  “Vedere e raccontare l’emergenza Covid-19: il ruolo del cronista” conAlessio Lasta, Piazza Pulita – La7; Stefania Battistini, Rai Tg1; Paola Baruffi, Sky Tg24;  Francesca Nava, The Post Internazionale. Modera Renato Piccoli, Rai Tg3 Puglia.  “Per un cronista – sottolinea Paola Baruffi- raccontare è un dovere, tanto più quando ci si trova coinvolti in prima persona in ciò che sta accadendo: come è successo a me, rientrata nella mia casa di Bergamo poco prima che scoppiasse la pandemia.  Raccontare attraverso un dettaglio simbolico, un suono, le immagini, per far comprendere la drammaticità degli eventi e documentare il dolore, le criticità. Per me è stato un dovere farlo, verso chi stava soffrendo ma anche verso chi ancora non riusciva a comprendere l’entità del problema. Mai come in questa terribile situazione è stato chiaro il ruolo del cronista, che può fare davvero la differenza”. “Fare luce sulle responsabilità e le negligenze commesse durante la pandemia 2020, a partire dal focolaio bergamasco mai isolato, è un dovere morale di ogni cronista, ma anche una battaglia di civiltà per non commettere mai più gli stessi errori”, aggiunge Francesca Nava.

 A seguire, dalle 21.30 alle 23, la presentazione dei libri di Antonino Monteleone(Le Iene) “David Rossi – Una storia italiana”, edito da Round Robin e scritto con Emanuele Bissattini, conillustrazioni di Mattia Ammirati(discute con l’autore l’editore Luigi Politano);  Tommaso Forte, giornalista, con “Michele Emiliano, l’ultimo re di Puglia”, edito da Round Robin (in dialogo con l’autore Paolo Di Giannantonio, Rai Tg1, e Paola Moscardino, La 7); Alessio Lastacon “La più bella: La Costituzione tradita. Gli italiani che resistono”, pubblicato da ADD Editore(discute con l’autore l’avvocato Francesco Bruni).

 Alle 23, infine, si chiude la terza giornata con “Il ruolo delle donne in politica. La parità di genere nella legge elettorale”, al quale partecipano Stella Sanseverino, Consigliera di Parità della Regione Puglia; Valeria Pellegrino, avvocata; Cristina Rizzo, avvocata; Annarita Marasco, avvocata; Maria Cristina Rizzo, già sindaco di Uggiano la Chiesa. Modera Cristina Giudici, NuoveRadici.World. “Credo che parlare di pari opportunità sia quanto mai significativo in un luogo come Otranto, che si affaccia su due mari ed è il punto di congiunzione fisica, sociale e ideale del Mediterraneo”, spiega Stella Sanseverino. Un’occasione quanto mai utile per fare chiarezza sullo stato delle cose, il Festival, “perché spesso si parte dall’idea che la parità di genere sia stata già raggiunta, e invece la strada verso questo traguardo è ancora lunga, perché i sistemi sono refrattari ad adeguarsi. Prendiamo ad esempio il periodo del Covid, dove nelle soluzioni per l’assistenza ai figli e agli anziani si è dato per scontato che sarebbe stata la donna ad usufruirne, perché nella cultura generale vige quest’idea che debba essere la mamma a prendersi cura della famiglia…  ecco perché, in un mondo in così grande fermento come il Mediterraneo, un Festival come questo diventa un contributo alla realizzazione di certi principi che non rimangono più solo l’obiettivo di un gruppo di donne, ma un’opportunità di crescita culturale, sociale e di promozione del territorio”. I risultati finora ottenuti, infatti – seppur ragguardevoli – non sono spesso soddisfacenti, aggiunge Maria Cristina Rizzo: “La guardia deve rimanere alta,  anche perché sono fermamente convinta del fatto che la politica sia di gran lunga migliore, se nei luoghi in cui si decide ci sono le donne. Bisogna creare le condizioni per tutto questo, a partire dai tempi della politica, ma la battaglia è dura, e spesso non bisogna fidarsi di chi predica bene e razzola malissimo, anche a sinistra”.

 In mattinata, sempre domani (Castello Aragonese, ore 9.00/13.00) secondo seminario rivolto a geologi, ingegneri e avvocati: “Sostenibilità ambientale: tutela del patrimonio marino costiero e del territorio. Soluzioni e opportunità”. Partecipano:Barbara Valenzano, direttore Dipartimento Mobilità, Ambiente e Paesaggio della Regione Puglia;Giorgia Barbieri, responsabile giuridico in materia di ambiente e paesaggio della Regione Puglia;Caterina Dibitonto, dirigente del Servizio Parchi e Tutela della biodiversità della Regione Puglia; Nicola Panico, presidente dell’Area Naturale Protetta Costa Otranto-Santa Maria di Leuca; Antonio Quarta, imprenditore turistico; Francesco Confuorti,presidente Fondazione Advantage. Modera Tommaso Forte.

 Partner ufficiali della manifestazione – che si avvale del marchio “Abil Festa”, pertanto è fruibile da persone con disabilità – sono: Fondazione Advantage, Advantage Green e Quarta Caffè. Media partner, invece, Ansa Med, Nuove Radici.World, Cosmo WDR Radio e Icon Radio.

About comunicato

comunicato

Check Also

Wind3, una storia di disservizio

Wind3, una storia di disservizio

9 / 100 Powered by Rank Math SEO SEO Score Lo stare senza internet è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *