Incontro finito bene tra un orso nero e tre ragazze

68 / 100 SEO Score

Una delle donne ne approfitta per fare un selfie con l’orso. Il video sta facendo il giro del web

Paura e sangue freddo con un orso nero alle spalle per tre ragazze che sono uscite illese da un incontro ravvicinato nella zona di Chipinque a Monterrey, in Messico nord-orientale, grazie alla calma con cui hanno affrontato la situazione.

Nella clip si vede una delle ragazze che viene letteralmente “abbracciata” dall’urside che ad un certo punto si è alzato in piedi. Nello specifico, l’orso si avvicina a uno di loro, inizia a annusarla e si alza improvvisamente sulle sue due zampe posteriori per posizionarsi all’altezza della donna. L’animale abbraccia la sua gamba destra, la tira persino verso di lui, ma la giovane donna è ferma per evitare qualsiasi reazione violenta da parte del mammifero.

La ragazzina rimane immobile e ne approfitta per fare furtivamente un selfie, fino a quando l’animale si è allontanato. Un’altra delle donne osserva attentamente la scena e inizia a fare piccoli passi e ad  allontanarsi dal luogo. In un secondo video che è stato condiviso sui social network dall’utente @ lzaroRos5, si osserva un altro angolo dello stesso momento.

Incontro finito bene tra un orso nero e tre ragazze

In questa clip si può vedere quando l’orso si alza per abbracciare la ragazza che ne approfitta per fare un selfie con l’animale. Un cybercitizen nel commentare il video ha sottolineato il coraggio e il carattere della donna nel mantenere la calma di fronte alla situazione e l’ha soprannominata “Miss Temple”. A Monterrey, nello stato del Nuevo León, è sempre più comune trovare orsi neri. Negli ultimi mesi questi animali, evidenzia Giovanni D’Agata, sono stati visti in cerca di cibo ed entrare nelle case per giocare in piscina. Ecco il video: 

About comunicato

comunicato

Check Also

Rovigo musica

“Voci per la libertà” in tour: il 23 settembre a Rovigo con H.E.R. e Grace N Kaos

16 / 100 Powered by Rank Math SEO SEO Score “Voci per la libertà”, il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *