Ciurma questo silenzio cos’è? E invece … rompiamo il silenzio

64 / 100 SEO Score

Ciurma, questo silenzio cos’è, sveglia tutti al rapporto da me, Spugna pendaglio da forca, possibile che nessuno si muova.” E invece ci muoviamo eccome in questa meravigliosa barca che abbiamo battezzato “Freedom from violence”.

E ce lo siamo sudato questo nome, perché è nato a poco a poco, guardandoci prima da lontano e poi negli occhi. Prima senza dire una parola e poi dicendo fiumi mare scogli di parole. Gabbiani di parole.

È stata la nostra cura questa barca, un regalo piovuto dal cielo il corso di velaterapia, corso fortemente voluto da “Sud est donne- Rompiamo il silenzio” di Martina Franca TA; con tante donne come me che arrivavano in barca a piedi scalzi, quasi con riverenza, con lo zaino rosso sulle spalle. Quello che si vede. Lo zaino, il peso che non si vede è anche dentro di me.

Ciurma questo silenzio cos'è? E invece … rompiamo il silenzio

E non immaginavo, nel primo giorno in cui ho visto le altre compagne, che potessero avere due zaini come me.

Magari avete pensato la stessa cosa.

Poi però lo scioglimento del cuore, come la randa che si alza in alto, come il fiocco e il timone che dà la direzione, abbiamo parlato bevuto riso, con Marco e Gigi che ci ascoltavano e si incazzavano, perché il mondo dicevano, non dovrebbe andare così, “Ci incazziamo”, dicevano proprio così, quando ascoltavano storie di donne, con protagoniste e antagonisti, con personaggi secondari. C’era tutto in queste storie, mancava solo la parola “rispetto”. La vorrei inserire io questa parola diceva Marco: “ma sono no il comandante, di questa lurida nave di questa lurida nave”.

Ciurma questo silenzio cos'è? E invece … rompiamo il silenzio

E dovete vedere noi come ci incazziamo per queste storie monche, mutilate, mancanti della parola più cara.

Ormai abbiamo capito che siamo pirate, pirate che si vogliono riprendere il tesoro rubato. A qualsiasi costo. E siamo sicure di farcela perché la mappa l’abbiamo in tasca. Guardiamo bene … noi la mappa l’abbiamo in tasca. “vere pirate noi siam, contro il sistema lottiam, ci esercitiamo a scuola a far la faccia dura per fare più paura… o per non avere più paura”

About Elena Manigrasso

Elena Manigrasso

Check Also

Wind3, una storia di disservizio

Wind3, una storia di disservizio

9 / 100 Powered by Rank Math SEO SEO Score Lo stare senza internet è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *