Alessandro Martire: la leggenda del pianista sul lago

54 / 100

Pellio Intelvi è un bel paesino, raccolto e silenzioso, tesoro paesaggistico con i tetti a capanna su cui svettano due campanili che, oltre a regalare il suono dei loro bicchieroni capovolti, scrutano tutto ciò che li circonda.

Pellio ha la sua bellezza e la sua storia: è stata la culla dello scultore Ercole Ferrata e vanta edifici storici e chiese antiche: quella di San Michele, che custodisce un pulpito di Paolo Caprani e gli affreschi di Giosuè Scotti nella volta e un tabernacolo del XVI secolo; e quella di Santa Maria, ristrutturata nel XVIII secolo. Il primo gennaio del 2017 la cittadina si è fusa con Lanzo, Ramponio e Verna, dando vita al nuovo comune di Alta Valle Intelvi.

Per raggiungere quest’oasi, dove il poeta Francesco Petrarca avrebbe trovato quella pace e quella solitudine che individuò nella cascina Linterno a Milano (dove tra l’altro curava l’orto e rivedeva i suoi versi), bisogna costeggiare il lago di Como, lasciarsi alle spalle Schignano, agglomerato di case, dove il presidente del tribunale civile di Milano Romeo Quatraro, magistrato severo e coltissimo, apparentemente burbero e gioviale, trascorreva i suoi giorni di vacanza, beandosi della vista delle acque care al Manzoni; poi Argegno, con la sua deliziosa piazzetta di fronte al pontile, dove attraccano le imbarcazioni che prendono a bordo i turisti per portarli in giro sul lago. Qui, svoltando a destra e poi a sinistra, si comincia a salire, attraversando località come Dizzasco, Castiglione, San Fedele, quindi Pellio (proseguendo, si trova Lanzo, che porta al balcone d’Italia), che offre la vista del lago di Lugano.

Ed è a Pellio che vive un grande musicista che si è esibito in quasi tutto il mondo, ogni volta ascoltato da un pubblico numeroso e appassionato, che per applaudirlo si alza in piedi, affascinato e felice. Un amante della tastiera, chiudendo gli occhi, mi dice “che il giovanissimo artista, Alessandro Martire, 28 anni, nato a Como, dal pianoforte estrae una cavalcata di note che suscitano un’emozione indicibile, una gioia dello spirito che induce al sogno”.

Ernesto Assante su “Repubblica” ha definito Alessandro Martire “uno dei compositori e pianisti più interessanti tra quelli emersi nella scena italiana e internazionale negli ultimi anni”, aggiungendo che è dotato “di una sensibilità particolare e di un approccio alla musica che mette insieme classicità e pop senza attrito attraversando i generi con intelligenza e curiosità”.

Alessandro Martire: la leggenda del pianista sul lago

About Franco Presicci

Franco Presicci
Giornalista di Taranto, ha lavorato presso Il Giorno, vive a Milano

Check Also

02.-Dinastia

Dinastia canta la Sicilia con il rap antimafia di “Colapisci”

15 / 100 Powered by Rank Math SEO Torna il noto cantautore siciliano Dinastia (autore …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *